La Settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro 19-23/10/2015

Organizzata ogni anno dall’Agenzia Europea per la sicurezza e salute sul lavoro (EU-OSHA) nel mese di ottobre (43ª settimana di calendario), la Settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, che ha preso il via il 19 ottobre, è un approfondimento fondamentale della campagna 2014-2015 “Ambienti di lavoro sani e sicuri”. Centinaia sono gli eventi di sensibilizzazione che si sono svolti e si stanno svolgendo in tutta Europa e al di fuori dei confini dell’UE: conferenze, mostre, concorsi, sessioni di formazione e attività.

La citata campagna “Ambienti di lavoro sani e sicuri” giungerà al termine prima della fine di quest’anno. Per questo la Settimana europea rappresenta, per molti Paesi, il momento per trarre le conclusioni sulle campagne intraprese, discutere i risultati, scambiarsi buone prassi ed esaminare le strategie future per la gestione dello stress e dei rischi psicosociali nei luoghi di lavoro.

Quest’anno la Settimana europea prosegue con il tema “Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress da lavoro correlato” e mette in evidenza – inoltre – due questioni particolari: le molestie sessuali e la violenza da parte di terzi, per le quali sono state prodotte due nuove infografiche. La prima riguardante le molestie sessuali, il numero di lavoratori interessati e le misure che possono attuare le società per affrontare il problema. La seconda descrive la violenza da parte di terzi, che è il rischio psicosociale più diffuso per le aziende europee, le persone più colpite, le occupazioni a rischio e i suoi effetti sui lavoratori.

Come accennato, la Settimana europea è incentrata sulla sensibilizzazione sul tema della gestione dello stress e dei rischi psicosociali nel luogo di lavoro riguardo ai quali, in questi giorni, si sono tenuti e si stanno tenendo eventi in tutta Europa. L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) e la sua rete di partner mirano a stimolare il dibattito all’interno dell’Europa sui modi di affrontare insieme questi rischi.

La rete dei punti focali nazionali dell’EU-OSHA organizza numerosi eventi in oltre 30 Paesi allo scopo di dare risalto ai messaggi della campagna. Fra le tematiche trattate vi sono lo stress e il rischio psicosociale in relazione alle ore lavorative, un nuovo protocollo in materia di bullismo e molestie, la valutazione dei rischi psicosociali nelle piccole imprese e il rapporto tra gli organismi che si occupano di sicurezza e salute sul lavoro (SSL), il settore dell’istruzione e le società nella gestione dei rischi psicosociali. Sono previste conferenze di presentazione delle attività realizzate durante i due anni della campagna in Austria, Belgio, Ungheria, Spagna e Svezia.

Poco dopo la Settimana europea, il 3 e 4 novembre 2015, a Bilbao, Spagna, si terrà il vertice “Ambienti di lavoro sani e sicuri 2015”. I principali esperti e responsabili politici europei discuteranno i risultati finali dei due anni di campagna, le strategie e i programmi per la gestione dello stress e dei rischi psicosociali sul lavoro, nonché il futuro della sicurezza e salute sul lavoro in Europa. Nel corso dell’evento, che si terrà in memoria del dottor Eusebio Rial González, ex direttore dell’unità di prevenzione e ricerca presso l’EU-OSHA, verrà annunciato il premio Eusebio Rial González per l’innovazione e la prassi in materia di psicologia della salute occupazionale.

Per maggiori informazioni clicca qui

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter