Le Regole del Budgeting: prevedere, pianificare, monitorare e accrescere

Le grandi organizzazioni non sono tali per le loro dimensioni, lo sono perché curano i dettagli.

Raggiungere con costanza un risultato in ambito professionale non è mai frutto di improvvisazione e casualità, le grandi organizzazioni questo lo sanno. Sono grandi non tanto perché le dimensioni lo certificano, lo sono perché curano i dettagli, perché il valore che esprimono confluisce in una performance economica. Per questo motivo il Budget non può e non deve rimanere incerto ma ha bisogno di radicarsi attraverso azioni concrete, misurabili ed il più possibili certe.

Le regole che sovrintendono questo processo sono semplici, la loro attuazione fondamentale. Vediamo di seguito quali sono.

Prevedere

È la fase più importante. Definisce la strategia e la sua accuratezza stabilisce la differenza tra ciò che accadrà e ciò che non accadrà. Ci permette di anticipare i fenomeni e di capirne l’impatto, ci pone nelle condizioni di orientare e modificare quanto il futuro ci darà. Il vero imprenditore crea e non attende passivo gli eventi. Il vero imprenditore costruisce per se e per gli altri. Stabilisce gli obiettivi.

Pianificare

Se la parte di previsione è la strategia, la pianificazione è la tattica. Acquisite le informazioni utili, occorre riportare operativamente le azioni decise. È il momento di chi fa cosa…….coinvolgere il team dando loro compiti precisi, tangibili e motivanti è il secondo tassello che ci conduce sulla verso il successo e la stabilità economica. Un team guidato ed orientato nella giusta direzione è la più grossa garanzia in termini di risultati.

Monitorare

Ora la gara può aver inizio. Abbiamo pensato ad ogni minimo dettaglio, l’abbiamo organizzato, ora è il momento di fare i conti con la realtà. È un grave errore monitorare tutto, occorre osservare davvero solo ciò che è importante. Sembra poco ma in questo concetto c’è tutto. Se le cose non procedono nella misura attesa, si cambia e ci si adatta. Si accolgono solo i cambiamenti positivi, quelli negativi si contrastano.

Accrescere

È la regola del + 1. Lo è con continuità solo se i passaggi precedenti sono stati soddisfatti con competenza, creatività e metodo. Non basta fare le cose bene ogni tanto, occorre diventare sistematici. Applicare percentuali di crescita casuali legate al trend di mercato ed in base allo storico è un sistema ormai approssimativo. Si cresce davvero solo se si ha volontà di pensarlo, solo se si chiede a se stessi ed alla propria organizzazione il meglio. I numeri seguiranno naturalmente il pensiero

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter