Certificazione Unica 2015

Debutta quest’anno la Certificazione Unica 2015 che sostituisce il Cud in riferimento ai redditi del 2014.

Rispetto al vecchio Cud la nuova Cu 2015 si arricchisce di nuovi campi da compilare, ben 297 campi e prevede 115 pagine di istruzioni.

Si tratta di una novità che sta già creando diversi problemi ai Consulenti del Lavoro che lamentano tempi troppo stretti per procedere al regolare rispetto della nuova procedura senza ritardi o errori, il che intimorisce, viste le sanzioni che un errore nell’ invio della Cu prevede (ben 100 euro per ogni Cu errata).

I termini per la presentazione sono fissati entro il prossimo 28 febbraio al contribuente ed entro il 9 marzo al Fisco.

Sono tenuti all’invio della Cu 2015 coloro che nel 2014 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte, ai sensi degli artt. 23, 24, 25, 25-bis, 25-ter, 29 del D.P.R. n. 600 del 1973 e 33, comma 4, del D.P.R. n. 42 del 1988; e lavoratori che nel 2014 hanno corrisposto contributi previdenziali e assistenziali dovuti all’Inps e all’Inps Gestione Dipendenti Pubblici e/o premi assicurativi dovuti all’Inail.

ASSOLVI IN MODO SEMPLICE ALLE OBBLIGAZIONI DERIVANTI DALLA CERTIFICAZIONE UNICA

Per info chiamaci allo 0873 367018 o scrivi una mail a teamservice@tsv.it

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter