Nuovo Accordo Stato-Regioni del 07/07/2016

Formazione per RSPP e ASPP e non solo…

Dopo attese di diversi anni, la Conferenza Stato Regioni ha sancito in data 7 Luglio 2016, il nuovo Accordo Stato-Regioni finalizzato alla individuazione della durata e  dei contenuti minimi dei percorsi formativi per i Responsabili e gli Addetti dei servizi  di Prevenzione e Protezione. L’Accordo, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 19 agosto ed entrato in vigore il 3 settembre, sostituisce integralmente quello del 26 gennaio 2006 ed interviene su alcuni elementi relativi alla formazione dei diversi soggetti della sicurezza.

Pur essendo un documento per lo più riservato ai RSPP e ASPP, all’interno dello stesso sono indicate anche alcune modifiche apportate all’Accordo Stato-Regioni del 21 Dicembre 2011 per la formazione dei Lavoratori.

Consulta il Nuovo Accordo Stato-Regioni del 07/07/2016

Questi i punti salienti:

  • Integrate le classi di laurea il cui possesso esonera dalla frequenza dei corsi di formazione per RSPP e ASPP (moduli A e B). Nell’Allegato I è previsto un elenco completo, di 43 classi tra laurea magistrale, specialistica vecchio e nuovo ordinamento.
  • Modificato l’iter formativo del RSPP e ASPP. Previsto un modulo B comune per molti settori e dei moduli B specialistici per altre aree: agricoltura e pesca, costruzioni, sanità, chimico e petrolchimico.  Precedentemente, erano previsti 9 moduli B per singolo macrosettore. Al comma 8 è indicato il riconoscimento della formazione pregressa per chi ha seguito i corsi secondo la modalità precedente:

“Sono fatti salvi i percorsi formativi effettuati in vigenza dell’accordo Stato-Regioni del 26 gennaio 2006, pertanto gli RSPP e ASPP che non cambiano settore produttivo e continuano ad operare esclusivamente all’interno di esso non dovranno integrare il proprio percorso formativo per adeguarsi alle previsioni del presente accordo.”

  • Al comma 9 è indicata la variazione di ore necessarie per l’aggiornamento quinquennale delle figure sopra. Vengono quindi ridotte a 40 ore, per gli RSPP, e a 20 ore per gli ASPP. L’aggiornamento è consentito per tutto il monte ore in modalità e-learning. La partecipazione a convegni e seminari è valida quale aggiornamento e comunque per un numero di ore che non può essere superiore al 50% del totale di ore di aggiornamento complessivo e quindi, 10 ore per ASPP e 20 ore per RSPP. Viene riconosciuto come aggiornamento anche la partecipazione a corsi di formazione per formatore ai sensi del Decreto Interministeriale 6 marzo 2013. Qualora non si partecipi per tempo ai corsi di aggiornamento decade l’abilitazione per le due figure sino alla partecipazione al corso. Sin da subito è possibile procedere al corso di aggiornamento con le nuove modalità e durate introdotte dall’Accordo.

RSPP_accordostatoregione

 

  • Al comma 10 vengono invece indicati i requisiti che devono possedere i docenti che vogliono organizzare corsi di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Viene quindi esteso il requisito previsto dal Decreto Interministeriale 6 marzo 2013 anche per altre tipologie di corsi, oltre quelli già previsti: formazione generale e specifica.

Viene, inoltre, consentito al datore di lavoro, in possesso dei requisiti per svolgere l’incarico di RSPP, di provvedere direttamente alla formazione del proprio personale (lavoratori, dirigenti e preposti), rispettando modalità e programmi previsti dall’Accordo Stato Regioni del 21 Dicembre 2011, anche se sprovvisto dei requisiti previsti dal Decreto Interministeriale 6 marzo 2013 (requisiti formatori).

Aspetto finalmente chiarito e molto importante è quello previsto al comma 12.2.

“Un datore di lavoro, la cui attività risulti inserita nei macrosettori Ateco a rischio medio/alto, secondo quanto individuato nella tabella dl cui all’allegato II dell’accordo del 21 dicembre 2011 (ex artt. 34 d.lgs. n. 81/2008), può partecipare al modulo di formazione per datore di lavoro che svolge i compiti del servizio di prevenzione e protezione relativo al livello di rischio basso, se tutti i lavoratori svolgono esclusivamente attività appartenenti ad un livello di rischio basso; se tale condizione viene successivamente meno, il datore di lavoro e tenuto ad integrare la propria formazione, in numero di ore e contenuti, avuto riguardo alle mutate condizioni di rischio dell’attività dei propri lavoratori.

Analogamente, un datore di lavoro, la cui attività risulta inserita nella tabella di cui all’allegato II dell’accordo del 21 dicembre 2011 (ex artt. 34 d.lgs. n. 81/2008) nei settori di attività a rischio basso, deve partecipare o integrare la formazione per datore di lavoro, che svolga i compiti del servizio di prevenzione e protezione relativo al livello di rischio medio o alto, se ha al suo interno lavoratori che svolgono attività appartenenti un livello di rischio medio o alto.”

Al comma 12.5 vengono, invece, indicate le modifiche relative agli obblighi in capo al datore di lavoro che ha contratti di somministrazione lavoro. E’ ora compito del somministratore e non dell’utilizzatore procedere alla formazione generale e specifica dei lavoratori. Deroghe possono essere previste qualora indicate nel contratto stipulato tra le parti.

Al comma 12.7 viene invece indicata una importante novità per le aziende classificate a rischio basso. E’ quindi consentita la formazione in e-learning sia per il corso di formazione generale così come per il corso di formazione specifica dei lavoratori.

Al capo 14 sono previste le disposizioni transitorie per la formazione del RSPP e ASPP.

“ln fase di prima applicazione e comunque non oltre dodici mesi dall’entrata in vigore del presente accordo, possono essere avviati corsi di formazione per responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione rispettosi dell’accordo Stato-Regioni del 26 gennaio 2006.”

Nell’allegato III del documento sono, inoltre, indicati i riconoscimenti formativi per quelle figure che vogliono esercitare o vogliono ottenere una nuova specializzazione o che più semplicemente hanno modificato il loro ruolo in azienda e devono partecipare ad altri corsi di formazione (es. dirigente o RSPP o ASPP).

Vi anticipiamo, per adesso, che il 21 ottobre 2016 la Teamservice ospiterà, in un seminario dedicato al tema Salute e Sicurezza, l’Avv. Lorenzo Fantini, Giuslavorista ed Esperto delle Politiche di Prevenzione, già Dirigente (anni 2003 – 2013) della Divisione Salute e Sicurezza del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Evento, questo, in cui saranno illustrati ampiamente i contenuti dell’Accordo e approfondite tematiche relative a questo ambito (che varrà anche come aggiornamento RSPP/ASPP) al quale tutti gli addetti ai lavori possono considerarsi già invitati.

Pubblicheremo programma dettagliato ed ulteriori informazioni nelle prossime settimane.

Stay tuned!

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter